La giovane stella irlandese, sembra avere le giuste qualità tecniche e non, per poter affermarsi fin da subito. Intanto, il classe 2005 ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali dello Shamrock Rovers, sua ex squadra, prima di iniziare la sua avventura interista:

APPROCCIO CON LA LINGUA”Sono arrivato a Milano a febbraio e ci sono rimasto per un mese. Sono andato per prendere confidenza con la squadra, mi sono allenato con loro e mi è piaciuto. Le strutture sono davvero incredibili, quando cammini e ti guardi intorno rimani sbalordito. Sto studiando l’italiano, lo conoscevo già un po’ prima: sto imparando a scuola, penso di essere abbastanza bravo, comincio a capirlo ora. Mi aspetto di far parte della formazione Under 19”

SOGNI E FONTE DI ISPIRAZIONE  – ”Un giorno, continuando a lavorare duro, potrete vedermi giocare in Champions. Il mio idolo è Hazard, ho un tipo di gioco simile al suo. Mi piace anche Grealish, uno che crea gioco con i dribbling”

RINGRAZIAMENTI”Thomas Morgan e Dessie Baker mi hanno aiutato a crescere come giocatore e devo ringraziarli per questo e per tutti i consigli che mi hanno dato. Apprezzo davvero tutto quello che hanno fatto per me nel breve lasso di tempo in cui ho lavorato per loro. Ringrazio anche Aidan Price per avermi dato l’opportunità di giocare per la squadra B la scorsa stagione ed esprimermi; ringrazio Shane Robinson, capo dell’Academy”