La Primavera nerazzurra si impone per 3-1 contro la Roma nella gara valida per la 7^ giornata di ritorno del Campionato Primavera 1 TIM. Di Salcedo, Rizzo e Colidio i gol che portano alla vittoria l’Inter.

LE PAGELLE:

Dekic 6: non particolarmente impegnato, incolpevole sul gol romanista.

Grassini 6,5: svolge bene entrambe le fasi di gioco, proponendosi spesso in avanti e piazzando qualche cross interessante, viene sostituito per crampi (dal 78′ Zappa SV).

Nolan 6,5: deve contenere un cliente scomodo come Celar e ci riesce molto bene, chiude tutti gli spazi e ferma ogni ripartenza giallorossa.

Rizzo 6,5: commette qualche sbavatura in più rispetto al compagno di riparto, ma nel complesso mette in campo una buona prestazione valorizzata dal gol che porta in vantaggio i suoi compagni. 

Corrado 6: spinge meno del suo collega di destra, più impegnato in fase difensiva per contenere Estrella Galeazzi.

Pompetti 6: non troppo brillante, sbaglia a volte giocate semplici per i compagni, ma confeziona l’assist al bacio per il gol di Rizzo.

Gavioli 6,5: tanta intensità e voglia di fare, disputando la solita partita di grande sacrificio. Esce quando proprio non ne ha più (dal 74′ Persyn 6: dà vitalità alla manovra nerazzurra mettendo spesso in difficoltà la Roma).

Schirò 6: poco presente nella prima parte di gara, aumenta il ritmo come tutta la squadra nel secondo tempo (dal 74′ Burgio 6: si fa vedere spesso in avanti, dando respiro alla retroguardia nerazzurra).

Merola 5.5: dopo i primi minuti in cui spesso impensierisce la difesa romanista, sparisce dal campo non rendendosi quasi mai pericoloso (dal 63′ Colidio 6: regala un’ottima palla a Roric, segna il rigore che chiude definitivamente i giochi). 

Man of the Match Salcedo 7,5: eroe di giornata, vera spina nel fianco della difesa giallorossa, segna il gol del pareggio e si procura il rigore sul finire di gara.

Esposito 6,5: dà spunti interessanti nella prima parte di gara, arretrando anche spesso per aiutare i compagni difensivamente (dal 63′ Roric 6: sfrutta molto la sua aggressività sfiorando anche il gol).