La Primavera nerazzurra perde per 2-0 in casa contro il Napoli nel match valido per la 10^ giornata di campionato.

LE PAGELLE:

Dekic 6: incolpevole sui due gol subiti, si supera nella ripresa in occasione del grande intervento su Gaetano.

Zappa 6: primo tempo sottotono, migliora nella ripresa specialmente in fase offensiva, dove si produce in alcune galoppate sulla fascia cercando di mandare in porta i compagni. 

Nolan 5,5: gioca un match di ordinaria amministrazione, peccato per l’errore sul primo gol del Napoli che gli vale il mezzo voto in meno.

Ntube 5,5: giudizio praticamente identico a quello del suo compagno di reparto. Il classe ’01 gioca complessivamente una buona gara, con qualche intervento positivo, ma si fa cogliere di sorpresa da Gaetano in occasione del gol del 2-0.

Corrado 5,5: corre, perlopiù a vuoto, mettendo pochi cross e neanche giusti, e sembra che gli manchi un appoggio in avanti.

Roric 5: non riesce a farsi vedere tantissimo e quando lo fa sembra in difficoltà contro una squadra cinica e capace di chiudersi molto bene (dal 55′ Demirovic 6: fa il suo con interventi mirati e uno spirito combattivo, ma neanche lui riesce a cambiare le sorti del match).

Schirò 6: mette al servizio della squadra la solita grande corsa, gli inserimenti per rubar palla e l’attenzione al massimo, disputando complessivamente un buon match specialmente nel secondo tempo (dal 78′ Pompetti SV).

Persyn 5: dopo le ultime due gare più che positive, oggi il belga non riesce a fare la differenza, vincendo pochissimi contrasti e risultando poco incisivo (dal 69′ D’Amico 6: fa meglio del compagno titolare, lottando e dimostrando carattere e voglia di fare).

MAN OF THE MATCH Merola 6,5: ci prova tanto, ma oggi la fortuna non è dalla sua. Nonostante tutto, però, è il più pericoloso dei suoi, costringendo la retroguardia napoletana a tenere sempre l’attenzione altissima.

Mulattieri 5: rimane in campo per 69 minuti collezionando diverse occasioni per dimostrare che mister Madonna ha fatto bene a dargli una maglia da titolare, ma non ne sfrutta neanche una, giocando a volte in maniera leziosa (dal 69′ Salcedo 5,5: prova a dare un po’ di vivacità al reparto avanzato, ma senza successo).

Colidio 6: tanto lavoro sporco per l’argentino che si dimostra positivo più in fase difensiva che offensiva, aiutando la squadra come meglio può (dal 55′ Adorante 5: entra in un momento difficile e non riesce a dare la scossa alla squadra, toccando pochi palloni e mai in maniera utile).