Sesta finale in tre anni e mezzo per Stefano Vecchi, che ha condotto la sua squadra a giocarsi la 70^ edizione della Viareggio Cup contro la Fiorentina nonostante le numerose assenze per le Nazionali e gli infortuni: “Sapevamo che avremmo affrontato questo torneo con alcuni giocatori poco impiegati fino ad ora, ma consapevoli delle doti e delle qualità di questo gruppo” ha detto ai microfoni di Inter TV: “Non è sempre stato facile, ma in un modo o nell’altro siamo arrivati fino a questo punto e domani ci giocheremo un’altra finale durissima e di cui siamo molto orgogliosi. Cercheremo di vender cara la pelle. La finale di campionato dello scorso anno contro la Fiorentina? Speriamo che quella di domani sia una partita simile (ride, ndr). Scherzi a parte credo che non sarà così, loro sono quasi totalmente al completo mentre noi no, ma non ci piangiamo addosso, se siamo arrivati fino qua è perchè ce lo meritiamo e perchè, come abbiamo sempre detto, abbiamo un ottimo organico. Affronteremo una squadra forte, l’abbiamo visto in campionato, negli ultimi anni contro di loro sono sempre state delle belle gare. Palle inattive? L’attenzione in questi casi è fondamentale, contro il Parma siamo riusciti a concretizzarle, mentre in altre situazioni siamo stati poco cinici in area di rigore, anche perchè affrontavamo una squadra molto agguerrita che ci ha messo in difficoltà. Il gruppo sta prendendo sempre più consapevolezza delle proprie capacità e non penso che diventerà presunzione perchè i ragazzi sanno benissimo contro chi giocheremo.”