La Primavera nerazzurra vince per 4-0 contro lo Slavia Praga all’esordio in Youth League: decidono la doppietta di Esposito e le reti di Oristanio e Vergani.

LE PAGELLE:

Pozzer 6: poco impegnato per gran parte della gara, risponde presente quando gli avversari si fanno vedere dalle sue parti.

Kinkoue 5,5: spesso in difficoltà, mostra poca sicurezza e sbaglia qualche appoggio di troppo.

Ntube 6: dirige la difesa con ordine e tampona gli attacchi avversari senza particolari problemi.

Pirola 6: sempre attento e puntuale, chiude praticamente ogni spazio.

Persyn 6: motorino instancabile sulla fascia destra, si fa vedere poco in avanti ma è spesso impegnato in difesa a chiudere le incursioni avversarie (dal 65′ Squizzato 6: entra molto bene in partita, recupera parecchi palloni e dà nuova linfa al centrocampo).

Gianelli 6: recupera palloni importanti, spesso arretra in difesa quando c’è bisogno di una mano e tenta la conclusione personale un paio di volte (dall’85’ Vaghi sv).

Agoume 6,5: ottime impressioni dal centrocampista francese, che gioca con grande tranquillità distribuendo inoltre ottimi palloni ai compagni.

Schiró 6: sottotono, svolge il suo compito senza infamia e senza lode sbagliando anche un gol solo davanti al portiere (dal 74′ Oristanio 6,5:  ravviva l’attacco nerazzurro, si fa vedere spesso in avanti e si regala anche la gioia personale con un bellissimo gol da fuori area).

Burgio 6: buona partita per il centrocampista esterno, non toglie mai la gamba, esce quando proprio non ce la fa piú (dal 65′ Colombini 6: entra al posto di uno stremato Burgio, sostiene l’attacco con qualche discesa e si procura il rigore che chiude la partita).

Man of the Match InterYouth Vergani 7,5:  gioca da grande protagonista, si muove molto bene, corre, lotta con gli avversari su ogni pallone, si procura il rigore trasformato da Esposito e mette la ciliegina sulla torta segnando l’altro penalty per il definitivo 4-0.

Esposito 7: solita spina nel fianco della difesa avversaria, spazia per tutto l’attacco segnando il gol che apre la partita e trasformando poi il rigore procurato da Vergani (dal 74′ Fonseca 6: entra in campo gli ultimi 15 minuti e riesce a rendersi pericoloso colpendo un doppio palo sul finire di gara).